Telefono: 049 8759300
Facebookgoogle_pluslinkedinyoutube

Lucien Sfez. La salute perfetta

/Libri Spirali

Lucien Sfez. La salute perfetta

Si parla molto della salute. Ciascuno, quando nomina la salute, crede di sapere di cosa si tratti. Da qui, gli auguri che si scambiano in varie circostanze: “Buona salute”; “Quando c’è la salute, c’è tutto”; “Basta la salute”. Ciascuno crede di sapere che con la salute ci si augura di vivere. Ma in qualche modo, quindi, combina la salute con l’idea di morte.

Ci sono ricerche nei vari ambiti del pianeta che pongono la questione della salute non come antitesi alla morte, non legata alla questione della morte.  Ma esiste effettivamente questa antitesi tra la salute e la morte? Come salute si usano, per esempio, anche i termini che vengono intesi come sinonimi: benessere, stare bene, longevità, assenza di male; ma hanno a che fare effettivamente con la salute o implicano e coinvolgono idee, fantasie, superstizioni, arcaismi che con la salute non hanno a che vedere? Molto spesso, per salute s’intende assenza di male, assenza di malattia, eppure il termine salute non ha a che vedere con la salvezza dal male o dalla morte: il termine salute indica l’integrità.

Innanzitutto, il termine salute indica che c’è un’integrità fisica, ma soprattutto integrità intellettuale, integrità di un dispositivo il cui funzionamento porta alle condizioni di vita, che sono quindi condizioni che comportano questa integrità, questa integrazione delle cose.

Pensate alla parola “cattolico”: che cosa comporta il “cattolico”, la “cattolicità”? Comporta l’integrazione; katà olòs significa “secondo l’intero”, quindi qualcosa che non manca di nulla, che comporta l’integrità. Questa è effettivamente la salute per ciascuno: ciò che si produce e procede secondo l’integrità, per integrazione delle cose, senza escludere nulla e, quindi, elaborando ciascuna cosa che si incontra, secondo la logica della nominazione.

La vita è secondo l’integrità, secondo l’intero, secondo l’integrazione delle varie cose. In questa direzione sta la salute. In questo senso, si può prescrivere la salute? si può assicurare? si può garantire? È un bene che si ha dall’origine e che si deve salvaguardare dal pericolo di perderla o è qualcosa che si conquista vivendo?


 



Condividi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedin