La generosità intellettuale di Giorgio Segato